Olio extravergine di oliva Colline Beneventane

Descrizione del prodotto
L'olio extravergine di oliva "Colline Beneventane", al consumo, si presenta di colore giallo, con intense sfumature verdi, da giovane. All'olfatto rivela piacevoli note erbacee, con netti sentori di pomodoro maturo, percepibili distintamente anche al gusto; all'assaggio è sempre armonico, con gradevoli e, talora, intense sensazioni di amaro e piccante, in armonia con l'elevata percentuale in polifenoli, sempre maggiori di 150 mg/kg. L'acidità non può superare il valore di 0,50% e il punteggio al panel test non deve essere inferiore a 7.
Il pregio dell'olio Colline Beneventane è da attribuirsi in gran parte alla perfetta armonia, consolidatasi nei secoli, tra l'ambiente e le varietà locali, prime tra tutte l'Ortice. Infatti il Disciplinare di produzione in via di approvazione ammette alla produzione della DOP solo oliveti in cui l'Ortice è presente per non meno del 60 % (percentuale che si eleva al 70 % nel caso dei nuovi impianti); possono, inoltre, essere utilizzate le varietà Frantoio, Leccino, Racioppella, Ortolana e Moraiolo fino al 30% e altre varietà presenti nella zona per il rimanente 10%.
Solo il rispetto delle regole fissate dal Disciplinare consente all'olio di manifestare a pieno le caratteristiche di tipicità.
Le olive devono essere raccolte, a mano o con mezzi meccanici, entro il 31 dicembre di ogni anno, trasportate in modo idoneo al frantoio per evitare danni e conservate in condizioni di bassa umidità relativa e di basse temperature. A tale scopo le olive vanno conservate in cassette forate dalla capacità massima di 25 kg e molite entro i 2 giorni dalla raccolta.
La produzione di olive per pianta non può eccedere i 40 kg, quella ad ettaro le 10 t; la resa al frantoio non può superare il 23%.
Per l'estrazione dell'olio sono ammessi soltanto processi meccanici e fisici che preservino il più fedelmente le caratteristiche del frutto. Cenni storici
In Campania l'introduzione della coltivazione dell'olivo risale ai greci ed ai fenici che diffusero l'uso dell'olio come alimento, ma anche come componente di unguenti e profumi, in tutti i territori colonizzati. I romani, poi, estesero la coltivazione dell'olivo in tutta la regione e, in grande misura, in provincia di Benevento. "Iuvat olea magnum vestire Taburnum (conviene rivestire di oliveti il grande Taburno)" sosteneva Virgilio nelle Georgiche; e l'olivo, già presente nel Sannio al VI sec a.C., si estese rapidamente in tutte le aree a vocazione olivicola, come è ampiamente documentato dai numerosi reperti conservati nei vari musei provinciali.
La tradizionalità della coltura e i suoi pregi, certificati dai numerosi premi ottenuti in questi anni, stanno per essere riconosciuti con il conferimento della DOP all'olio extravergine di oliva Colline Beneventane.

Area di produzione
Il territorio delle Colline Beneventane, che comprende 52 comuni, si estende dalle Colline alte del Tammaro e del Fortore, attraverso la Piana del Calore, fino ai primi contrafforti del Taburno e del Partenio.Le operazioni di oleificazione devono avvenire nell'interno della zona di produzione delle olive.

Dati economici e produttivi
La zona delimitata dal Disciplinare copre una superficie olivetata di 5000 Ha, con un patrimonio di circa 1,5 milioni di piante di olivo. Le aziende olivicole ammontano a circa 13.000 unità, con una produzione in olio stimata in 50.000 qli

Stato della registrazione
La richiesta di riconoscimento della Denominazione di Origine Protetta all'olio extravergine di oliva "Colline Beneventane" ai sensi del Reg. CEE 2081/92, è all'esame del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali.
.
Organismo di controllo

L'organismo di controllo indicato è IS.ME.CERT. (Istituto Mediterraneo di Certificazione dei prodotti e dei processi del settore agroalimentare), Centro Direzionale Is. G/1 - 80143 Napoli - Tel. 081/787.97.89 fax 081/ 604.01.76.

Organismo proponente
Comitato promotore per la registrazione della DOP "Colline Beneventane" con sede in piazza IV novembre n.1 c/o CCIAA - 82100 Benevento. Tel. 0824/30.04.15. fax. 0824/30.02.33.


Fonte dei testi: www.sito.regione.campania.it/AGRICOLTURA/

 

Elenco prodotti


San Vqlentino in Campania: Offerte Speciali e Last Minute |Cena in Agriturismi, Hotel, B&B, Vacanze