Santuario della Beata Vergine del Santo Rosario di Pompei


Piazza Bartolo Longo, 1 - 80045 Pompei (Napoli)
Telefono: -
Fax:
E-mail:
Sito Ufficiale:


 
 



Luoghi



Santuario della Beata Vergine del Santo Rosario di Pompei


Pompei (Napoli)


Storia del Santuario
È sede di Prelatura territoriale e Delegazione Pontificia. La storia del Santuario è legata a quella del Beato Bartolo Longo, suo fondatore e della contessa Marianna de Fusco (moglie del conte Albenzio de Fusco), con la quale condivise una vita al servizio dei più bisognosi. Il Santuario è stato eretto con le offerte spontanee dei fedeli di ogni parte del mondo. La sua costruzione ebbe inizio l’8 maggio 1876, con la raccolta dell’offerta di “un soldo al mese”. Primo a seguirne i lavori fu Antonio Cua, docente dell’Università di Napoli, che diresse gratuitamente la costruzione della parte rustica. Giovanni Rispoli, in seguito si occupò della decorazione e della monumentale facciata inaugurata nel 1901. Il Santuario fu eretto in Basilica Pontificia Maggiore da papa Leone XIII il 4 maggio 1901. A croce latina, inizialmente aveva una sola navata, con abside, cupola, quattro cappelle laterali e due cappelle nella crociera. Ai due lati del santuario vi erano altre due cappelle con ingressi distinti, ma intercomunicanti con la navata centrale: a sinistra, la cappella di S. Caterina da Siena, ove fu esposto inizialmente il quadro della Madonna durante la costruzione del Santuario; a destra, la cappella del SS. Salvatore, così chiamata perché fu sede dell’omonima parrocchia fino al 1898, quando fu costruita la nuova parrocchia a poche decine di metri di distanza. Nel 1925 fu ultimata la costruzione del campanile alto ben 80 metri.

Col passare del tempo e il sensibile aumento delle folle di fedeli fu necessario ampliare il santuario. Tale ampliamento fu eseguito dal 1934 al 1938, su progetto del Chiappetta. Il santuario ebbe così tre navate (quella centrale non fu modificata), abside e cupola di maggiori dimensioni. L’esterno fu rivestito in armonia con la monumentale facciata, facendole acquistare l’aspetto di una grande Basilica romana. Negli anni successivi il Santuario sopravvisse a prove molto impegnative quali l’eruzione del Vesuvio del 1944 e l'arrivo delle truppe naziste che arrivarono a minacciarne la distruzione. È stato meta di pellegrinaggi da parte di papa Giovanni Paolo II, il 21 ottobre 1979 e il 7 ottobre 2003, e di papa Benedetto XVI, il 19 ottobre 2008. L'11 novembre 1962 nella piazza antistante il Santuario fu collocato il monumento a Bartolo Longo, opera di Domenico Ponzi di Ravenna. Alla solenne cerimonia inaugurale intervenne l'allora Presidente della Repubblica, Antonio Segni. Il santuario è oggi meta di pellegrinaggi religiosi, ma anche di molti turisti affascinati dalla sua maestosità. Ogni anno oltre quattro milioni di persone si recano in visita al Santuario che risulta pertanto tra i più visitati d'Italia. In particolare, l'8 maggio e la prima domenica di ottobre, decine di migliaia di pellegrini affollano la città di Pompei, per assistere alla pratica devozionale della Supplica alla Madonna di Pompei (l'ora del Mondo) scritta dal Beato Bartolo Longo che viene trasmessa tramite la televisione e la radio in tutto il Mondo.


Architettura ed arte
La facciata
Ha aspetto basilicale ed è caratterizzata da due ordini sovrapposti. L’ordine inferiore, in stile ionico, presenta centralmente un corpo avanzato in corrispondenza della navata centrale. In quest’ordine sono presenti tre arcate (con la centrale maggiore) che immettono al portico e quindi ciascuna ad una navata. Nella parte bassa di quest’ordine è presente un robusto basamento dal quale si elevano, in corrispondenza di ciascuna arcata, pilastri (per le arcate laterali) e quattro colonne monolitiche di 6.80 metri di granito rosa (per l’arcata centrale). Tali pilastri e colonne hanno basi attiche e capitelli ionici.
L’ordine superiore segue la disposizione di quello inferiore, nella distribuzione dei pilastri e delle colonne, ma in stile corinzio. Nella parte centrale dell’ordine superiore, ovvero al di sopra dell’arcata maggiore, è situata la Loggia Papale, caratterizzata da una balaustra di marmo bianco. L’ordine superiore presenta una cornice, abbellita con mensole, e nel mezzo un frontone, nel cui timpano è collocato lo stemma in marmo bianco di Papa Leone XIII, dal quale il Santuario è stato dichiarato Basilica il 4 maggio 1901.

Alla sommità dell’ordine superiore è presente un attico con balaustra. Ai lati di quest’ultima sono posti un grosso orologio (a sinistra) e una meridiana di pari dimensioni (a destra). Al centro invece, su di una robusta base, è collocata la statua della Vergine del Rosario. Tale statua, opera dello scultore Gaetano Chiaramonte è alta ben 3.25 metri ed è stata tratta da un sol pezzo di marmo di Carrara dal peso di 180 quintali. Sulla base su cui poggia la statua, è scolpito il motto “PAX” (Pace) cui l’intera facciata è dedicata e più in basso la data MCMI (1901). Nel portico della facciata sono collocate quattro nicchie ove poste le statue in marmo di Padre Ludovico da Casoria, del Beato Luigi Guanella, di S. Leonardo Murialdo e di Francesca Saverio Cabrini, nomi legati alla storia del Santuario.

L'interno
Durante i lavori di ampliamento del Santuario del 1934-38 la superficie sacra fu quintuplicata fino a raggiungere ben 5000 m2. In particolare la navata centrale rimase intatta, ma fu prolungata notevolmente, furono create le due navate laterali in corrispondenza dei due ingressi laterali della facciata, fu abbattuta la vecchia cupola per costruirne un’altra più alta, più avanti e fu aumentato il numero degli altari. Infine utilizzando lo spazio tra le grandi campate in cemento armato che si erano rese necessarie per sostenere l’imponente peso della struttura, tra le fondazioni, fu ricavata una cripta. La navata centrale, che quindi non subì grandi modifiche, presenta tutto intorno un grande cornicione corinzio. La volta, divisa in vari compartimenti riccamente decorati, presenta nel mezzo un grande affresco del Paliotti. Ai lati della navata centrale, trovano spazio anche le due statue bronzee (opera del Tonnino) dei Fondatori (Bartolo Longo e la Contessa De Fusco).

L’attuale abside, quintuplicata rispetto all’originale, è sostenuta da due grandi colonne di marmo grigio e da 8 colonne più piccole in marmo colorato che sorreggono le 9 arcate su cui poggia la volta centrale dell’abside. L’affresco della volta centrale che rappresenta l’Assunzione della Vergine è opera dell’Arzuffi. Una balaustra a semicerchio circonda il trono e l’altare maggiore. Al centro di essa vi è un artistico cancello con cinque nicchie in ciascuna delle quali è collocata una statua d’argento (rappresentano la religione, la fede, la carità, la speranza e la purità).

Il trono è distaccato dall’altare. Due pilastri rivestiti in marmo nero sorreggono il piano del trono. Su di esso sono collocate due angeli di bronzo (opera dell’artista Salvatore Cepparulo). Quattro colonne in marmo alte 4 metri, si innalzano dal piano del trono e presentano basi e capitelli corinzi in bronzo dorato. La parte posteriore del trono è rivestita di marmi preziosi.

Il quadro della Madonna è collocato tra marmi policromi, lastre di onice e lapislazzuli ed intorno sono presenti 15 medaglioni in rame sui quali il Paliotti dipinse i “quindici misteri” del Rosario.

Il ciborio, ad imitazione del Pantheon di Roma, è ricco di metalli e marmi preziosi. Ha forma ottagonale e per la quantità e qualità di oro, argento, bronzo, marmo e statue bronzee è di per sè un capolavoro. Nelle volte delle cappelle delle navate laterali e dell’abside sono rappresentati i “quindici misteri” in mosaico della Scuola Vaticana. E sugli altari di tali cappelle vi sono quadri dipinti da valenti artisti.

La primitiva cupola, alta 29 metri, fu sostituita dopo i lavori di ampliamento con l’attuale, di maggiori dimensioni e alta ben 57 metri. Essa è al centro di altre quattro cupole minori. Architettonicamente si compone di due tamburi sovrapposti e termina con un cupolino dal quale svetta la croce. Essa è stata affrescata dall’artista Angelo Landi, il quale vi ha dipinto 360 figure su una superficie di ben 509 m2.

Il primo grande organo plurifonico, inaugurato nel 1890, fu sostituito nel 1949 dall’attuale grande organo. Esso è diviso in due nuclei: uno portale, racchiuso in una cassa lignea dorata e contenente in buona parte le canne del preesistente organo, l’altro completamente nuovo e sistemato nella cupola centrale. Una cantoria splendidamente decorata racchiude il grande organo.

La cripta
Ricavata tra le fondazioni del Santuario, dopo i lavori di ampliamento, la cripta è in effetti un secondo santuario ove si celebrano le messe ed hanno luogo le confessioni. Al centro è collocato l’altare maggiore mentre gli altri altari sono alle spalle di quello principale. Dietro l’altare centrale, in una cappella dedicata al Beato, riposano i resti di Bartolo Longo, raccolti e ricomposti in un'urna esposta ai fedeli. Riposano nella cripta anche i resti della Contessa De Fusco, di Padre Radente, di Suor Maria Concetta De Litala, del Vescovo di Nola Mons. Formisano, del Patriarca Anastasio Rossi, del Vicario Mons. Vincenzo Celli e di Mons. Francesco Saverio Toppi, Arcivescovo Emerito di Pompei e frate cappuccino. I pilastri della cripta sono stati affrescati dal Prof. Mirco Casaril con vicende che illustrano le prime vicende della storia del Santuario e dell’Incoronazione dell’immagine della Vergine, fatta da Paolo VI nel 1965, dopo il restauro. Sulle pareti della cripta si ammira anche la “Via Crucis” donata da Padre Ludovico da Casoria, quando il Santuario era ancora in costruzione.


Il campanile
Il campanile
La posa della prima pietra del campanile avvenne il 12 maggio 1912. Dopo tredici anni, il 24 maggio 1925 avvenne l’inaugurazione con una solenne cerimonia in presenza di Bartolo Longo (che allora aveva 84 anni). Il campanile sorge su una palizzata in cemento armato di una superficie di circa 400 m2. Architettonicamente la struttura è costituita da tre parti: l’esterna, decorata di granito grigio; l’interna di mattoni pressati; una terza centrale composta da un’armatura a castello di travi metalliche che forma una torre di collegamento, dal peso di 100000 kg, che sostiene una scala in ferro che conduce fino alla sommità. Il campanile è visibile anche a chilometri di distanza in quanto è alto ben 80 metri e presenta al vertice una croce di bronzo alta 7 metri (illuminata di notte), opera dell’arch. Aristide Leonori. È in stile corinzio ed è caratterizzato da cinque ordini sovrapposti, all’ultimo dei quali è presente una terrazza con balaustra, raggiungibile mediante ascensore interno, visitabile tutti i giorni e dalla quale è possibile godere di una notevole panoramica che va dalle isole del golfo fino all’Appennino, agli Scavi, al Vesuvio e alla Valle del Sarno. Al primo ordine è presente un monumentale portone splendidamente decorato. Una nicchia al quarto ordine racchiude una imponente statua di 5.5 metri e dal peso di 180 quintali in marmo di Carrara, rappresentante Gesù. Ai quattro angoli del terzo ordine sono invece posti quattro grandi angeli in bronzo che danno fiato alle trombe. Un sistema elettrico mette in funzione un concerto di otto campane, di differenti dimensioni e quindi di suono. La campana maggiore ha 2 metri di diametro e pesa 50 quintali. Tali campane, riccamente decorate, furono formate dalla fonderia Marinelli nel cortile della allora proprietà Falanga in Via Sacra, a poche decine di metri dal Santuario, usando 100 quintali di cannoni di guerra, cui si aggiunsero 50 quintali di rame e una quantità proporzionale di stagno per ottenere i 180 quintali di bronzo necessari.

Fonte: Wikpedia.it


Maggiori informazioni
Pontificio Santuario della Beata Vergine del Santo Rosario di Pompei
Piazza Bartolo Longo, 1 – 80045 Pompei (NA)
Tel. (+39) 081 8577111 Fax (+39) 081 8503357
E-mail. info@santuariodipompei.it
Sito: www.santuario.it

Tour Virtuali
Nelle vicinanze
Teatro Delle Rose
Teatro Delle Rose
Piano di Sorrento (Napoli)
Teatro del Mare
Teatro del Mare
Sorrento (Napoli)
Stadio Italia
Stadio Italia
Sorrento (Napoli)
Dove Soggiornare
Mappa
Clicca su Visualizza percorso per i dettagli sulle distanze.