Piazza Cavour


- 80137 Napoli (Napoli)
Telefono: -
Fax:
E-mail:
Sito Ufficiale:


 
 



Luoghi



Piazza Cavour


Napoli (Napoli)


Piazza Cavour è una piazza di Napoli, denominata già Largo delle Pigne, è ubicata nel centro storico cittadino, al limite meridionale del quartiere Stella. La piazza, nella quale sboccano tra le varie strade via Foria e via Costantinopoli e a brevissima distanza dal Museo Archeologico Nazionale, è costituita per grandissima parte da giardini che occupano in lunghezza tutta la parte centrale, inglobando le due stazioni della metropolitana poste ai limiti laterali della piazza e la fontana del Tritone.

L'antico largo delle pigne veniva detto in tale maniera per la presenza di pini (in napoletano 'e pigne) ed era, come Foria, un gran collettore di acque piovane che discendevano dalle varie colline fuori le mura. Su di esso affacciavano sin dall'antichità le mura settentrionali della città e l'antica porta San Gennaro, detta così perché conduceva alle catacombe dove riposavano in precedenza le spoglie del santo martire. In questo largo si stabilì parte dell'esercito di Belisario durante l'assedio di Napoli e per porta San Gennaro quella legione entrò nella città. Nel XVII secolo, precisamente nel 1537 fu eseguito l'ampliamento delle mura verso l'esterno, promosso da Don Pedro di Toledo. 

È in questo periodo che si costruiscono i primi edifici nella zona, in particolare il Palazzo della Cavallerizza (oggi Museo Archeologico Nazionale) e la zona bassa della Stella, detta le Cavaiole perché vi risiedevano le famiglie di quei della Cava", raggiungibile tramite un ponte costruito nell'ambito dell'edificazione della porta di Costantinopoli, il quale scavalcando il fossato collegava la zona con la porta e quindi con la città.Nel 1812 Gioacchino Murat provvede alla risistemazione di tutto l'asse stradale dal Museo fino all'Albergo dei Poveri e oltre, comportando il riempimento dei fossati del largo e l'adeguamento edilizio delle costruzioni che rendevano angusto il passaggio. 

In questo periodo viene costruita la fontana del Tritone. La piazza tuttavia rimase per tutto il XIX secolo un luogo senza forma né ordine: casupole, baracche, botteghe di marmisti e altri mestieri all'aperto pullulavano nella piazza, la quale era anche luogo ideale per l'allestimento di circhi, fiere ed esposizioni di vario genere. Nel 1870 la piazza fu adornata dai giardini che tuttora esistono, ripristinando il verde che era stato rimosso nella figura degli storici pini nel 1730. Nel 1925 fu costruita la stazione della ferrovia metropolitana, il passante ferroviario che collegava Napoli direttamente con Roma, oggi chiamata linea 2. Nel 2001 fu aperta presso l'estremo sinistro della piazza la stazione Museo della linea 1 e per l'occasione fu eseguita un'imponente opera di rifacimento dell'arredo urbano e della viabilità.

Tour Virtuali
Nelle vicinanze
Castel Capuano
Castel Capuano
Napoli (Napoli)
Cappella di San Severo
Cappella di San Severo
Napoli (Napoli)
Piazza San Gaetano
Piazza San Gaetano
Napoli (Napoli)
Dove Soggiornare
Mappa
Clicca su Visualizza percorso per i dettagli sulle distanze.