Città di Avellino


Piazza della Libertà - 83100 Avellino (Avellino)
Telefono: -
Fax:
E-mail:
Sito Ufficiale:


 
 



Luoghi



Città di Avellino


Avellino (Avellino)


A met´┐Ż strada tra il mar Tirreno ed il mare Adriatico, nel cuore della Campania, , tra la Puglia e la Basilicata, da un ´┐Żantica trib´┐Ż di origine nomade ´┐Ż sannitica, gli Hirpini diedero vita al primo nucleo abitativo della Citt´┐Ż di Avellino.

Dapprima nei pressi dell´┐Żattuale paese di Manocalzati, nell'antica "Abellinum", poi in seguito alle incursioni da parte di trib´┐Ż rivali, questo nucleo si and´┐Ż spostando via via verso Atripalda per giungere nei pressi della zona dove oggi sorge il Duomo di Avellino. La sua posizione strategica richiam´┐Ż presto l´┐Żinteresse dei romani che hanno lasciato nella citt´┐Ż una indelebile traccia non solo grazie ad una meravigliosa villa romana (risalente al periodo delle lotte tra Gracco e Silla ´┐Ż ossia nell´┐Żanno 129 a.C. e presumibilmente caduta in abbandono nel 346 d. C. in seguito ad un terremoto ed una tragica eruzione del Vesuvio) edificata sulla collina dove oggi sorge il Duomo e che allora sovrastava l´┐Żintera citt´┐Ż; snodo obbligato di transito per chi da Salerno fosse diretto verso Benevento e luogo ai margini del qualei, successivamente, fu costruita la Dogana (l´┐Żedificio del Cinema Umberto).

Avellino gi´┐Ż visse i primi martiri romani nel 400 d.C., con la persecuzione ed il supplizio di S.Ippolisto. Nel 500 d.C., con l´┐Żaffermazione del cristianesimo, Avellino divenne sede Vescovile. Sub´┐Ż, poi, le invasioni barbariche dei Vandali e dei Goti.Nel IX sec. (anno 1000) fu edificato il castello longobardo sito sulla collina "Terra" (C.so Umberto). La citt´┐Ż fu parte del Principato di Benevento fino alla sua caduta e poi dominio del Principato di Salerno. Nel 1100 divenne contea di Riccardo dell´┐ŻAquila.Con la fine della dominazione normanna, venne incorporata nel regio demanio e Carlo d´┐ŻAngi´┐Ż l´┐Żassegn´┐Ż al Casato dei Montfort e, successivamente, ai Del Balzo.

Dopo una serie di reggenze ad opera delle famiglie pi´┐Ż influenti alla Corte napoletana, pass´┐Ż dalla Famiglia Filangieri ai Caracciolo, eccetto un breve periodo durante la dominazione spagnola. Nel 1287 divenne Capoluogo del Principatus Ultra Serras Montorii. Tornati gli Angioini a Napoli, Avellino nel 1581 ritorn´┐Ż feudo di Marino Caracciolo. Fino al 1806 grazie a questa Casata, riusc´┐Ż ad acquistare notevole importanza, nonostante il Capoluogo fosse stato trasferito a Montefusco, pi´┐Ż centrale rispetto al feudo. La citt´┐Ż cominci´┐Ż ad arricchirsi di opere artistiche pubbliche , tra cui la Fontana di Bellerofonte (detta dei Tre Cannuoli) e la Torre dell´┐Żorologio ad opera del Fanzago.

Con la venuta dei francesi, Avellino ritorn´┐Ż capoluogo del Principato Ultra e la Piazza della Libert´┐Ż divenne il fulcro della vita amministrativa e commerciale.
Fu teatro dei moti rivoluzionari del 1820, segno di una fiorente capacit´┐Ż di autodeterminazione e della ricerca di libert´┐Ż. Contrariamente a quanto auspicato, l´┐ŻUnit´┐Ż d´┐ŻItalia non giov´┐Ż allo sviluppo economico e sociale. Infatti, tagliata fuori dalla costruzione della linea ferroviaria Napoli ´┐Ż Benevento ´┐Ż Foggia, la Citt´┐Ż, fuori dai due mari, fu fuori dai flussi turistici; ecco perch´┐Ż alcuni centri come Solofra o Montoro che gravitano prevalentemente su Salerno, il Baianese o la Valle di Lauro che orbitano sul Nolano, e quindi su Napoli, o Altavilla, Cervinara e Dentecane che gravitano sul Benevento o la realt´┐Ż di Ariano Irpino, pi´┐Ż vicina a Foggia vivono ancora oggi ai margini.

La popolazione avellinese "conobbe la guerra" nel settembre del 1943 per un inutile bombardamento della Piazza del Mercato (attuale Piazza del Popolo ´┐Ż dove si erge il monumento alle vittime del terremoto del 1980) perch´┐Ż gli americani intendevano ostacolare la ritirata dei panzer tedeschi demolendo il Ponte della Ferriera. Ci inorgoglisce immaginare la storia della citt´┐Ż come una bella testimonianza di un illustre passato, ma questa ci insegna come sia la continua e tenace laboriosit´┐Ż di un popolo pronto a riedificarsi ed a ricercare la giusta identit´┐Ż cos´┐Ż come ´┐Ż successo all´┐Żindomani degli eventi sismici del 23 novembre 1980 e del 14 febbraio 1981.

Informazioni uitili:
Numero telefonico Comune:+39.0825.623942
www.comune.avellino.it

Tour Virtuali


Nelle vicinanze
Comune di Cassano Irpino
Comune di Cassano Irpino
Cassano Irpino (Avellino)
Collegiata dell'Assunta o di S. Pellegrino
Collegiata dell'Assunta o di S. Pellegrino
Altavilla Irpina (Avellino)
Museo dei Parati Sacri
Museo dei Parati Sacri
Montemarano (Avellino)
Dove Soggiornare
Mappa
Clicca su Visualizza percorso per i dettagli sulle distanze.