Comune di Montella


- 83048 Montella (Avellino)
Telefono: -
Fax:
E-mail:
Sito Ufficiale:


 
 



Luoghi



Comune di Montella


Montella (Avellino)


Le origini di Montella risalgono al 500 a.C. quando alcune trib� irpine scelsero la zona tra il fiume Calore e Lacinolo per i propri insediamenti. La zona prese il nome di "Montella piccola", non corrisponde alla posizione che ha oggi la cittadina.

Durante le guerre sannitiche, gli Irpini combatterono contro i Romani, ma alla fine sconfitti ne subirono l'egemonia.
In seguito alle guerre sociali, Montella piccola fu distrutta. A met� costa del monte Sassetano, alle cui pendici si trova oggi Montella, fu costruito un fortilizio che fu detto Castello del Monte.

Con i Longobardi Montella fu sede di un importante gastaldato, data la sua collocazione strategica tra il beneventano e il salernitano. Lo dimostra la costruzione, che oggi � purtroppo solo un rudere, detta la "Rotonda", per la sua funzione di posto di guardia.

Con la venuta dei Normanni il gastaldato fu mutato in contea, passando da un signore all'altro.
Dal 1174 al 1293, il feudo di Montella pass� sotto i signori D'Aquino, da cui nacque e visse la sua giovinezza Rinaldo D'Aquino, rimatore della scuola poetica siciliana.

Nel 1222, frate Francesco d'Assisi, durante il suo viaggio di ritorno dal Santuario di S. Michele Arcangelo del Gargano, si ferm� nei pressi di Montella, nel bosco di Folloni, e decise di lasciare alcuni frati perch� edificassero un romitorio e col loro operato convertissero i ladri che infestavano il bosco.

Sorse cos� il monastero di S. Francesco a Folloni che tutt'oggi partecipa in maniera attiva alla vita della comunit�.Successivamente il territorio di Montella sub� le vicende della storia del meridione, passando ancora da un signore all'altro.

Dal 1445 al 1597 Montella fu feudo dei conti Cavaniglia, Cavalieri Aragonesi, venuti nel Regno di Napoli dopo la sconfitta degli Angioini. Delle numerose testimonianze rimaste la pi� importante � sicuramente il mausoleo di Don Diego Cavaniglia, glorioso capitano, ferito a morte durante la battaglia contro i Turchi ad Otranto.

Quando agli inizi del XIX secolo il Regno di Napoli fu occupato dalle truppe napoleoniche, ebbe termine a Montella il lungo periodo feudale.



Info utili

Comune:0827/601303 - 0827/609006 - 0827/609239

Tour Virtuali
Nelle vicinanze
Museo dei Parati Sacri
Museo dei Parati Sacri
Montemarano (Avellino)
Sito Archeologico di Paestum
Sito Archeologico di Paestum
Capaccio (Salerno)
Dove Soggiornare
Mappa
Clicca su Visualizza percorso per i dettagli sulle distanze.