Comune di Boscoreale


- 80041 Boscoreale (Napoli)
Telefono: -
Fax:
E-mail:
Sito Ufficiale:


 
 



Luoghi



Comune di Boscoreale


Boscoreale (Napoli)


La presenza umana nel territorio di Boscoreale risale ad epoca remota. Anche se rare sono le testimonianze archeologiche relative alle fasi pi� antiche, il rinvenimento di sepolture ascrivibili alla cosiddetta "cultura delle tombe a fossa", nelle contrade Marchesa e Spinelli consente di datare tra il IX e il VI sec. a.C. i primi probabili insediamenti indigeni.

Pi� numerose e significative sono invece le testimonianze archeologiche di periodo romano dal momento che il fertile territorio alle pendici del Vesuvio era costellato da ville che univano spesso la funzione di azienda agricola a quella di pi� o meno lussuosa residenza di campagna del proprietario.

Molte di queste ville furono scavate tra la fine dell'Ottocento e i primi del Novecento ad opera di privati, spogliate di arredi ed affreschi e di nuovo reinterrate. Ad esse si aggiungono altri casi, segnalati pi� recentemente per casuali rinvenimenti durante lavori edilizi ed agrari e talvolta sottoposti a campagne di scavo archeologico.

Le ville finora individuate sono circa una trentina, pi� numerose nell'area a nord dell'antica Pompei, territorio che dipendeva in gran parte amministrativamente dal comune di Boscoreale fino al 1928 e in cui gli studiosi hanno ipotizzato la localizzazione del Pagus Augustus Felix Suburbanus.

La pi� famosa delle ville di Boscoreale � senza dubbio la cosiddetta Villa della Pisanella o Villa del tesoro delle argenterie. Integralmente scavata tra il 1894 e il 1899 da Vincenzo de Prisco � sita in una propriet� posta lungo l'attuale via Settetermini, immediatamente a sud-ovest del cavalcavia della linea ferroviaria circumvesuviana.
Nel sito solo un grande avvallamento e qualche rudere affiorante testimoniano la presenza dell'antico complesso.

La villa, il cui plastico � esposto insieme ad una scelta di reperti nell'Antiquarium di Boscoreale, presentava una serie di ambienti signorili, tra cui un piccolo bagno termale mosaicato, disposti sul lato ovest di un ampio porticato, mentre il settore rustico, con numerosi ambienti tra cui due torcularia (torchi vinari) gravitava attorno ad una grande cella vinaria con 84 dolii fittili interrati, destinati alla conservazione del vino (72 dolii per un totale di 93.800 litri), olio e granaglie.

Nella villa, attribuita da alcuni studiosi al banchiere pompeiano Lucius Caecilius Jucundus, si rinvenne in un vano sotterraneo del torcular, celato dagli antichi proprietari, un ricchissimo tesoro composto da ben 109 pezzi di argenteria, in gran parte conservato al museo del Louvre, oltre a monili e monete.

Un'altra villa di particolare rilevanza � quella attribuita a Publius Fannius Synistor, posta in luce tra il 1899 e il 1900 in contrada Grotta nel fondo Vona. Le preziose pitture, ascrivibili al II stile e di notevole valore storico-artistico, staccate e vendute dai privati, sono attualmente esposte nei musei di Napoli, Parigi, New York ed altri.

In parte ancora visibile � la villa attribuita a Numerius Popidius Florus, scavata nel 1906 nel fondo Zurlo Pulzella, ora propriet� Faraone Mennella, mentre nessuna struttura archeologica � visibile dei numerosi edifici romani che sono stati scavati o sondati nel centro urbano di Boscoreale, tra cui si segnala, a solo titolo di esempio, la villa rustica attribuita a Marcus Livius Marcellus, rinvenuta nel 1928 in propriet� GrecoUliano in via Vitt. Emanuele.

Pi� recente il rinvenimento, avvenuto nel dicembre 1977, di una villa rustica in localit� Villa Regina, integralmente scavata tra il 1978 e il 1980 e completamente ristrutturata, che ci regala un tangibile esempio di azienda agricola di epoca romana.

Per un altro insediamento rustico, individuato lungo la via Casone Grotta in propriet� Risi-Di Prisco nel 1986, si attendono i fondi per la continuazione delle operazioni di scavo.Recentissimo � invece il rivenimento, avvenuto nella primavera 1993, di un altro complesso rustico in localit� Cangiani, all'estremit� orientale del territorio di Boscoreale.

Oltre alle ville rustiche che caratterizzavano cos� significati-vamente il territorio vesuviano di et� romana, sono da sotto lineare i rinvenimenti di tracce di un antico basolato stradale in via S. Ten. E. Cirillo, di una supposta fabbrica di tegole in localit� Pellegrini, di sepolcreti privati quali quello della gens Arria, rinyenuto nella contrada Passanti, dati che com-pletano il quadro delle testimonianze d'insediamenti romani anteriori al 79 d.C., quando l'eruzione del Vesuvio distrusse ogni cosa, ricoprendo con metri di cenere e lapillo l'intero territorio, modificando del tutto l'assetto dei luoghi.

Ma, come dimostrano i reperti tardoromani e paleocristiani rinvenuti in localit� Pisanella, Capogrossi e Villa Regina e soprattutto le tracce di un edificio termale decorato da un mosaico con Venere e tritoni databile al 11411 secolo d.C., rinvenuto in propriet� De Vivo da Ferruccio De Prisco nel 1901, gli abitanti ritornarono a popolare il tertitorio di Boscoreale, garantendo quella continuit� di vita che attraver-so i vari periodi storici ci ha condotto al presente.


Info utili

Numero telefonico Comune:081.5371973

Tour Virtuali
Nelle vicinanze
Comune di San Giorgio a Cremano
Comune di San Giorgio a Cremano
San Giorgio a Cremano (Napoli)
Vulcano Buono
Vulcano Buono
Nola (Napoli)
Parco Nazionale del Vesuvio
Parco Nazionale del Vesuvio
San Sebastiano al Vesuvio (Napoli)
Dove Soggiornare
Mappa
Clicca su Visualizza percorso per i dettagli sulle distanze.