Comune di Bellona


- 81041 Bellona (Caserta)
Telefono: -
Fax:
E-mail:
Sito Ufficiale:


 
 



Luoghi



Comune di Bellona


Bellona (Caserta)


A Bellona, comune di circa quattromila abitanti a diciannove chilometri da Caserta, i tedeschi consumarono una delle loro pi� efferate stragi. Il 6/10/1943, verso le ore 20.30, un soldato della Wehrmacht fu ucciso da una bomba a mano lanciatagli dal fratello di una giovane donna che il tedesco aveva tentato di rapire.

All'alba del giorno seguente Bellona venne circondata dai tedeschi e una compagnia di S.S. rastrell� tutte le abitazioni, in una spietata caccia all'uomo. Oltre cinquanta cittadini, tra cui sei sacerdoti, furono catturati e rinchiusi nella cappella di San Michele. Circa un'ora dopo i tedeschi prelevarono questi ostaggi e li caricarono su autocarri, affermando che li avrebbero condotti al lavoro obbligatorio.

Ma, giunti a pochi chilometri dal paese, li fecero scendere in una cava di pietra tufacea e li uccisero con raffiche di mitragliatrice. Infine, facendo brillare alcune mine, i tedeschi fecero franare le pareti della cava, seppellendo i corpi delle loro vittime.
Caddero in quella strage i sacerdoti: Andrea Rovelli, arciprete di Bellona; Salvatore Antropoli, parroco di Brezza (Caserta);

padre Remigio di San Domenico (al secolo Domenico Abbate) e Giovanni Limongi, economo della chiesa di Sant'Eligio di Capua. Il 7/10/1945, nei pressi del luogo, oggi chiamato Cava dei Martiri, � stata eretta una stele commemoratlva con i nomi dei fucilati e due epigrafi.

L'una, del Comune dl Bellona, reca: "In memoria dei cinquantaquattro suoi cittadini - padri di famiglia - giovinetti innocenti - pii sacerdoti - Sotto specie di condurli a lavori - tolti dalle loro case - e per delirio di vendetta - dalla fredda rabbia tedesca - il giorno 7/10/1943 trucidati e i corpi gettati nella prossima cava".

L'altra opigrafe, dettata da Benedetto Croce, dice: "Anche in questa piccola terra - sorge una delle innumeri stele - che in ogni parte d'Europa - segneranno nei secoli il grido - dell'offesa umanit� - contro una gente creduta amica - nell'epoca del civile avanzamento e nella quale orrenda si � discoperta - armata di tecnica moderna - la Belva primeva."



Info utili

Numero telefonico Comune:0823.966748

Tour Virtuali
Nelle vicinanze
Dove Soggiornare
Mappa
Clicca su Visualizza percorso per i dettagli sulle distanze.