Comune di Caivano


- 80023 Caivano (Napoli)
Telefono: -
Fax:
E-mail:
Sito Ufficiale:


 
 



Luoghi



Comune di Caivano


Caivano (Napoli)


Il centro, a cui poi venne dato il nome di Caivano, esisteva gi� in epoca preromana. Ci� � documentato, infatti, dal ritrovamento di dolii (grandi vasi per alimenti) in quattro cortili adiacenti nell' isolato fra via Capogrosso e via don Minzoni, nella parte ritenuta tradizionalmente la pi� antica di Caivano.

Il territorio fu oggetto di centuriazione sia all'epoca dei Gracchi (Ager Campanus I, circa 133 a. C.) che in et� augustea. La centuriazione pi� antica sembra aver influenzato la collocazione delle chiese e della torre del castello mentre per l'altra non vi sono tracce evidenti.

Il nome del luogo induce a supporre che fosse gi� abitato, come propriet� patrizia con coloni, praedium calavianum, gi� in epoca romana. Con l'invasione longobarda la zona appartenne al principato di Benevento e Caivano fu forse sottoposto a S. Arcangelo, all'epoca villaggio fortificato longobardo a sua volta dipendente dal gastaldato di Suessula.

Con la fondazione di Aversa da parte dei Normanni, il nostro centro, la cui esistenza � attestata da documenti scritti a partire dal X secolo, divenne uno dei suoi casali. Agli inizi del '300 fu fortificato e divenne feudo indipendente, unico tra i centri del territorio aversano a non essere un casale di Aversa.

Per conquistare il regno di Napoli Alfonso di Aragona occup� Caivano, che era circondato da mura, e dovette assediare di persona per ben tre mesi il forte castello, ottenendone alla fine la resa a patti perch� gli assediati avevano esaurito i viveri. Il castello di Caivano � anche menzionato in un documento del 1432 in cui si parla della consegna delle fortificazioni di Capua. Della conquista Re Alfonso diede notizia ad un suo sostenitore mediante una lettera che ci � pervenuta.

Inutilmente gli aversani chiesero a re Alfonso di Aragona il ritorno di Caivano sotto il loro diretto dominio. Nel '500, come risulta anche da una testimonianza in lingua spagnola, l'abitato era composto da tre nuclei: Caivano propriamente detto, il Borgo Lupario e il borgo S. Giovanni e tale distinzione fu percepita fino a fine ottocento. Fino al XVI secolo Caivano fu il pi� popoloso dei centri ricadenti sul territorio dell'antica Atella, per cedere poi il passo a Afragola, Frattamaggiore e poi anche ad Arzano e Casoria.


Info utili

Numero telefonico Comune:081.8316018

Tour Virtuali
Nelle vicinanze
Dove Soggiornare
Mappa
Clicca su Visualizza percorso per i dettagli sulle distanze.