Piazza San domenico maggiore


Piazza San Domenico Maggiore - 80134 Napoli (Napoli)
Telefono: -
Fax:
E-mail:
Sito Ufficiale:


 
 



Luoghi



Piazza San domenico maggiore


Napoli (Napoli)


Piazza San Domenico è una delle piazze più importanti di Napoli. Essa si trova lungo il decumano inferiore della città, a breve distanza da altre importanti piazze cittadine come quella del Gesù Nuovo e piazzetta Nilo. Trovandosi nel cuore del centro storico partenopeo, la piazza non è raggiungibile con alcun mezzo pubblico essendo la zona interamente ed unicamente a transito pedonale.


La piazza prende il nome dalla chiesa, di cui si ammira la zona absidale chiusa in alto da una cornice merlata, che si erge alle spalle dell'obelisco di San Domenico. È uno dei luoghi più significativi della città perché, storicamente, rappresenta il limite orientale delle mura greche di Neapolis. La piazza fu voluta da Alfonso I di Napoli, infatti proprio a lui si deve la grande scalinata a fianco dell'abside della chiesa di San Domenico Maggiore. Nei secoli, ha avuto molteplici ruoli, da quelli politici a quelli commerciali finanche a quelli occulti data la vicinanza della Cappella Sansevero. Lo slargo, contornato da palazzi monumentali, ospita la suddetta chiesa basilicale di San Domenico Maggiore, tra le più belle della città, la cui facciata è caratterizzata da un'evidente influenza orientale. Al centro dello slargo vi è l'omonimo obelisco di Francesco Antonio Picchiatti, eretto dai napoletani come ringraziamento per essere scampati ad un'epidemia di peste, nel cui basamento è riprodotta la sirena Partenope, simbolo della città. Oltre alla chiesa di san Domenico Maggiore ed all'omonimo obelisco, la piazza è circondata anche da altri imponenti edifici nobiliari. 

Questi sono:
Palazzo Petrucci: di epoca quattrocentesca, di cui restano visibili il portale marmoreo, l'arco ribassato nell'atrio e i loggiati, fu ricostruito dopo il terremoto del 1688; 

Palazzo Saluzzo di Corigliano: attribuito a Giovanni Francesco Mormando, fu iniziato nel primo Cinquecento e ristrutturato dopo il terremoto del 1688 e dopo il 1850, presenta un interno rococò in ottimo stato di conservazione ed una aula magna con resti di strutture di epoca greca e romana. Il palazzo attualmente è una delle sedi dell'ex Istituto Universitario Orientale, oggi Università degli Studi di Napoli "L'Orientale", in cui sono ospitati i Dipartimenti "orientalistici" e quello del Mondo Classico; 

Palazzo di Sangro di Casacalenda: iniziato nel 1766 e completato da Luigi Vanvitelli, presenta una galleria con affreschi di Fedele Fischetti e uno scenografico cortile interno con colonne doriche sullo sfondo; 

Inoltre, la piazza fronteggia di scorcio altri importanti edifici, quali la chiesa di Sant'Angelo a Nilo, presso l'omonima piazza, che custodisce il sepolcro del cardinale Brancacci scolpito da Donatello e Michelozzo; palazzo Carafa della Spina, eretto alla fine del XVI secolo e ristrutturato nel XVII secolo edificando uno dei più bei portali d'ingresso della città; palazzo di Sangro, palazzo di famiglia dei Principi di Sansevero, a breve distanza dall'omonima cappella che custodisce alcune delle più importanti sculture marmoree del Settecento di Napoli e di tutto il meridione. La piazza è attraversata da due importanti vie della città: Spaccanapoli (est-ovest) e da via Mezzocannone (sud-nord). Infine, in essa ha sede la plurisecolare pasticceria Scaturchio.

Tour Virtuali
Nelle vicinanze
Cappella del Sansevero
Cappella del Sansevero
Napoli (Napoli)
Castel dell' Ovo
Castel dell' Ovo
Napoli (Napoli)
Dove Soggiornare
Mappa
Clicca su Visualizza percorso per i dettagli sulle distanze.